Informazione

Sintomi di avvelenamento da antigelo nei cani

Sintomi di avvelenamento da antigelo nei cani


We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.

I sintomi dell'avvelenamento da antigelo nei cani sono simili a quelli dell'uomo, tra cui sete eccessiva, vomito, diminuzione della minzione, letargia, collasso, convulsioni e coma. Nei cani, la morte di solito segue da 12 a 48 ore dopo l'ingestione di una dose tossica.[[@ref1][@ref2]] L'antigelo contiene glicole etilenico (EG), glicole dietilenico (DEG), glicole trietilenico (TEG), propilene glicole e butilenglicole. Tutti questi sono tossici per gli animali, ma la loro tossicità relativa varia. EG, DEG e TEG sono più tossici di PG. DEG è tossico anche in combinazione con PG e il PG è più tossico di EG.[[@ref2]] A differenza degli esseri umani, i cani con intossicazione da antigelo mostrano segni clinici più gravi.[[@ref1]]

Il primo caso di avvelenamento da antigelo in un cane è stato descritto da Jeltsch nel 1935.[[@ref3]] In letteratura è stato riportato che un totale di 10 cani e 1 gatto presentavano tossicità da antigelo.[[@ref4][ @ref5]] I principali fattori di rischio per l'ingestione di antigelo nei cani sono l'età e la razza.[[@ref5][@ref6]] Contrariamente agli esseri umani, i segni clinici più comuni nei cani sono alterazione della capacità mentale e convulsioni, seguiti da segni neurologici.[[@ref1]] Per quanto a nostra conoscenza, solo un caso clinico ha descritto la tossicità da antigelo associata a insufficienza renale acuta in un cane.[[@ref6]] Nel presente rapporto, descriviamo la presentazione clinica di un cane con intossicazione da antigelo, grave disfunzione neurologica e insufficienza renale acuta.

Dettagli del caso {#sec1-2}

============

Un cane incrocio sterilizzato maschio di 3 anni del peso di 24,4 kg è stato presentato alla clinica dell'Università di Medicina Veterinaria e Scienze Animali, Lahore, Pakistan, nel luglio 2014, con una storia di convulsioni per 1 settimana. Sono state osservate convulsioni fin dai 7 giorni prima della presentazione e la frequenza e la durata sono aumentate nei giorni successivi. Il proprietario ha riferito che il cane stava vomitando, non beveva, era letargico e aveva una cattiva condizione fisica. Il cane si era precedentemente presentato in una clinica veterinaria dove gli erano stati somministrati farmaci che alleviavano le convulsioni. Tuttavia, le condizioni cliniche sono peggiorate con un episodio di convulsioni generalizzate, per il quale il cane è stato ricoverato. All'esame, il cane era brillante e vigile, ed era in buone condizioni fisiche, con una temperatura corporea di 38,5°C. La frequenza cardiaca era di 140 battiti al minuto e la frequenza respiratoria era di 26 respiri al minuto. Le pupille erano miotiche e bilateralmente sono stati osservati un nistagmo vestibolare di grado II/VI e un nistagmo orizzontale di grado IV/VI. Non c'era dolore alla palpazione addominale. Le mucose erano rosa e umide e il tempo di riempimento capillare era superiore a 2 secondi. Non c'erano anomalie neurologiche. Inoltre, non sono state rilevate anomalie all'esame neurologico e il resto dell'esame sistemico è risultato irrilevante.

L'ematologia è stata eseguita al momento del ricovero ospedaliero. L'ematocrito era del 50,1%, mentre le concentrazioni di glucosio nel sangue e di sodio nel siero erano rispettivamente di 14,6 mmol/L e 129 mmol/L. La proteina sierica totale era di 4,0 g/dL e il rapporto albumina-globulina era di 0,9. I valori della chimica del siero includevano un gap anionico di 22 mmol/L, azoto ureico nel sangue di 36 mg/dL e una concentrazione di creatinina sierica di 1,1 mg/dL. Gli elettroliti sierici (potassio, magnesio e calcio) rientravano nell'intervallo di riferimento. Un campione di urina è stato raccolto mediante cistocentesi per l'esame microscopico di routine ed è stato presentato per l'analisi tossicologica. Il cane è stato ricoverato in ospedale per 24 ore e sono state istituite cure e trattamenti di supporto, inclusi liquidi per via endovenosa, antiemetici, supporto elettrolitico e acido-base e farmaci antiepilettici.

Esame clinico {#sec2-1}

--------------------

I risultati del test tossicologico del campione di urina sono stati positivi per l'antigelo. Pertanto, è stata stabilita la diagnosi di intossicazione da antigelo. È stato sviluppato un protocollo di trattamento in base alla letteratura corrente e all'opinione degli esperti.[[@ref1][@ref2]] Il cane è stato inizialmente trattato con carbone attivo (AC) (100 mg/kg/12 h per 12 h) e liquidi per via endovenosa. Tuttavia, questi non hanno fornito alcun beneficio e il cane ha continuato ad avere la diarrea. Pertanto, la successiva opzione di trattamento era quella di sostituire i liquidi. Per ottenere ciò, il cane ha ricevuto un'infusione endovenosa di soluzione fisiologica allo 0,9% (8 ml/kg/12 h) e liquidi orali (1,5 ml/kg/12 h). È stata somministrata una terapia antibiotica, con una dose iniziale di amoxicillina/acido clavulanico (20 mg/kg/12 h PO) e una seconda dose 24 h dopo. È stata anche somministrata un'infusione continua di paracetamolo (5 mg/kg/12 h).

La diarrea è stata gestita mediante somministrazione orale frequente di 1,5 ml/kg di soluzione fisiologica allo 0,9%. La diarrea è cessata il giorno successivo e l'animale ha iniziato a mangiare e bere volontariamente. Il cane è stato dimesso 5 giorni dopo il ricovero quando l'esame obiettivo era normale e i valori ematologici


Guarda il video: anjingku keracunan untung bisa selamat dengan minum ini. obat anjing keracunan (Potrebbe 2022).

Video, Sitemap-Video, Sitemap-Videos