Informazione

Tumori mammari nei cani

Tumori mammari nei cani


We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.

Tumori mammari nei cani sono la seconda malattia neoplastica più comune nelle cagne ([@B1]). Simile ai pazienti umani, la prognosi per i cani con tumori mammari è variabile, da tumori benigni a tumori maligni localmente invasivi ([@B2]). Lo scopo principale della classificazione è stabilire una diagnosi, pianificare la terapia e valutare la risposta al trattamento ([@B3]).

Nei cani sono riportati diversi modelli morfologici di tumori mammari, che vanno da tumori alveolari puri ([@B4]), adenomi, adenocarcinomi ([@B2]), a tumori maligni (carcinomi a cellule squamose, metastatizzati ai linfonodi o ai polmoni) ( [@B5], [@B6]). Per molto tempo, la valutazione istologica è stata il cardine della diagnosi del cancro al seno, con l'esame clinico, la mammografia, l'ecografia (US) e l'aspirazione con ago sottile (FNA) come strumenti di supporto ([@B7]). Tuttavia, a causa della mancanza di consapevolezza dei fattori di rischio associati alla razza e al sesso per la malattia, alcuni cani, che potrebbero beneficiare di un intervento chirurgico precoce (<, 3 mesi) ([@B8]), sono sottoposti a una laparotomia diagnostica per la ricerca di metastasi o recidive. D'altra parte, molti allevatori di cani mastino hanno un alto tasso di tumori al seno. Ciò è stato attribuito al fatto che questa razza ha un'alta incidenza di tumori mammari con segni clinici assenti o minimi (benigni) ([@B9]). Le mastectomie vengono spesso eseguite al momento della diagnosi per i tumori maligni e come trattamento per i tumori benigni ([@B10]). Tuttavia, non è chiaramente definito come e quando è necessaria una mastectomia e la maggior parte degli interventi chirurgici viene eseguita senza alcuna conferma istopatologica ([@B10]). Sebbene i tumori mammari nei cani siano piuttosto rari, sono stati riportati la diagnosi e il trattamento di questo tipo di cancro ([@B2], [@B4], [@B5], [@B11], [@B12]). Tuttavia, per quanto a nostra conoscenza, la combinazione di un tumore maligno, un tumore benigno e una cisti, segnalata per la prima volta in questo studio, non è mai stata segnalata nei cani. L'uso della mammografia è considerato altamente sensibile per l'individuazione dei tumori ([@B4]). Inoltre, la mammografia in combinazione con gli US può essere uno strumento prezioso nella valutazione dei tumori palpabili ([@B4]). Tuttavia, la radiografia o l'ecografia possono essere utilizzate solo per rilevare il tumore stesso, ma non possono confermare la presenza di una cisti. Nel presente studio, non abbiamo eseguito l'esame citologico e istopatologico a causa dell'alto costo di tali analisi. Invece, abbiamo appena eseguito gli Stati Uniti, che è una tecnica diagnostica conveniente. I nostri risultati hanno rivelato che la mammografia è uno strumento estremamente utile per rilevare i tumori.

Oltre ad essere uno strumento diagnostico sensibile, la mammografia può essere utilizzata per monitorare la risposta al trattamento. La risposta del tumore al trattamento può essere determinata confrontando le immagini scattate prima e dopo il trattamento. Questa è una delle ragioni principali per l'uso frequente della mammografia per monitorare la risposta al trattamento ([@B4]). Se il tumore non viene visto alla mammografia durante il follow-up, la risposta al trattamento potrebbe essere inadeguata. Se viene diagnosticata una lesione cistica, il medico deve essere attento a considerare la sua eziologia tumorale. Sebbene non sia stato stabilito alcun consenso per il trattamento dei tumori mammari canini, l'escissione chirurgica è l'attuale gold standard ([@B2], [@B5]). La radioterapia è anche una terapia alternativa e aggiuntiva. Esistono varie modalità di radioterapia, come raggi X, onde radio, brachiterapia e fasci di elettroni ([@B2], [@B4], [@B5]). Se il tumore si ripresenta e si sospetta una metastasi, il sito metastatico può essere rilevato mediante mammografia. Se non viene rilevata alcuna metastasi, si può concludere che il tumore era benigno e l'escissione chirurgica potrebbe essere la scelta appropriata.

Sebbene la mammografia sia un metodo estremamente sensibile per l'individuazione dei tumori mammari canini, la mammografia non può fornire informazioni anatomiche, che sono vitali per identificare il tumore maligno. L'ecografia può essere utilizzata a tale scopo. Nel nostro studio, l'ecografia è stata eseguita su 25 dei 27 cani con masse mammarie e tutti i 25 casi hanno rivelato una massa palpabile, coerente con i risultati dello studio precedente ([@B2]). Rispetto all'ecografia, l'accuratezza dell'ecografia è inferiore (76%) perché è un metodo soggettivo ([@B2], [@B5]). Pertanto, si raccomanda di utilizzare l'ecografia in aggiunta alla mammografia per ottenere ulteriori informazioni sulla posizione del tumore e per determinare se sono presenti metastasi. Per i nostri risultati, l'ecografia è stata superiore alla mammografia in termini di valutazione della posizione del tumore e identificazione di metastasi in 24 casi su 27 casi. Pertanto, l'ecografia potrebbe essere utile nella diagnosi dei tumori mammari canini.

Inoltre, nei cani con tumori mammari dovrebbe essere eseguito un esame fisico, soprattutto se mammografia ed ecografia sono negative. Nei casi in cui la massa può essere palpata, il cane viene generalmente monitorato per recidiva locale o metastasi e si raccomanda un'escissione chirurgica. D'altra parte, la mammografia o l'ecografia possono essere utilizzate per determinare se ci sono o meno metastasi. Nel nostro studio, i cani con una massa palpabile avevano metastasi in 18 casi su 23, mentre i cani con reperti mammografici o ecografici di massa avevano metastasi in 9 casi su 18. Pertanto, l'uso di un esame fisico e della mammografia o dell'ecografia potrebbe fornire migliori informazioni diagnostiche per i tumori mammari canini.

Nel presente studio, non abbiamo riportato alcun fattore prognostico che abbia influito sul tasso di sopravvivenza globale, poiché il numero di pazienti era piccolo. Sebbene vi sia una differenza nella prognosi tra cani con tumori mammari che avevano metastasi e cani senza metastasi, sono necessari ulteriori studi per esaminare i fattori prognostici nei cani con tumori mammari.

Conclusione

==========

In conclusione, la mammografia e l'ecografia potrebbero fornire utili informazioni diagnostiche per i tumori mammari canini.

Questa ricerca è stata supportata dalla Konkuk University nel 2014.

**Conflitto d'interessi**

Gli autori dichiarano che non vi è alcun conflitto di interessi.


Guarda il video: Dog With A Tumor Holds The Hand Of Her Owner Crying Over Her Pain Part 1. Animal in Crisis EP97 (Potrebbe 2022).

Video, Sitemap-Video, Sitemap-Videos